Con l’apertura della porta santa della Basilica di San Pietro, l8 Dicembre 2015 si inaugurerà il Giubileo indetto da Papa Francesco Bergoglio e che si concluderà il 20 Novembre del 2016. L’anno Santo della Misericordia è stato voluto dal Pontefice con l’intento di riportare la Chiesa Cristiana al suo ruolo principale “di casa che tutti accoglie e tutti ama”.

Nell’anno del Giubileo accade che i pellegrini fedeli della Chiesa Cattolica si recano a Roma, da ogni parte del mondo, per ricevere l’indulgenza plenaria, la cancellazioni delle pene previste per i peccati commessi.

Come già accaduto per l’ultimo Giubileo del 2000, indetto da Papa Giovanni Paolo II, che lui stesso definì come un lungo percorso spirituale di indulgenza e di fede, l’evento coinvolgerà non solo i cattolici ma il Mondo intero.

Moltissime le celebrazioni e gli eventi che hanno caratterizzato il Giubileo 2000, tra tutti la Giornata Mondiale della Gioventù che portò nella sola città di Roma circa due milioni di giovani di ogni etnia. Una folla pacifica e sorridente che invase la capitale colorandola con le bandiere più diverse, un’esperienza unica per chi l’ha vissuta.

La città di Roma si ritrova a ripetere l’esperienza e deve farsi trovare pronta lavorando fin da ora alla risoluzione di problematiche logistiche relative a potenziamento dei mezzi pubblici e viabilità.

Il Sindaco Ignazio Marino è intervenuto in merito dicendo che ” Più che a grandi opere bisognerà pensare a migliorare l’organizzazione cittadina, per esempio pensare a come gestire l’afflusso dei tanti pullman di pellegrini che si riverseranno nella capitale, creando zone di sosta fuori dal centro città“.  Verranno inoltre accelerate le opere di manutenzione: dal decoro alla pulizia delle zone verdi, ai lavori sulle grandi consolari fino ai trasporti.

Un appuntamento che la capitale non può mancare, ma attenzione perchè la sfida non riguarda soltanto soggetti pubblici, ma coinvolge anche i cittadini privati gestori di esercizi dedicati al pubblico come albergatori, ristoratori, negozianti, etc.

Il Giubileo del 2000 vide a Roma l’apertura di moltissimi b&b nati proprio per dare accoglienza ai pellegrini in visita, molti esercizi sono ancora attivi, altri per negligenza amministrativa e gestionale non sono però sopravvissuti.

In un momento in cui la crisi economia ha schiacciato, sotto il peso della tassazione, molte piccole attività a conduzione familiare, il Giubileo può rappresentare oggi l’occasione per far ripartire il settore turistico anche attraverso l’apertura di b&b.

Per sapere qualcosa in più leggi Come aprire un b&b a Roma.